RIO +20

About This Project

Il Gruppo Noise ha collaborato con CURSA (Consorzio Universitario per la Ricerca Socioeconomica e per l’Ambiente) e  con il MATTM (Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) nell’ambito del processo di preparazione della partecipazione dell’Italia alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile – RIO+20.

La Conferenza sullo sviluppo sostenibile si è svolta dal 20 al 22 giugno a Rio de Janeiro, a 20 anni di distanza dal Vertice della Terra tenutosi sempre a Rio de Janeiro nel 1992.

Dal 1972 in poi i governi di tutto il mondo hanno sottoscritto importanti dichiarazioni sullo sviluppo sostenibile che hanno consentito di tracciare un percorso importante per indirizzare i Governi a definire delle scelte programmatiche che convergessero vero la sostenibilità dello sviluppo. Dal 1992 è stata poi richiesta la partecipazione attiva di tutti i settori della società civile.

La Conferenza di Rio+20 si è svolta con il proposito di rinnovare l’impegno per lo sviluppo sostenibile attraverso la valutazione dei risultati ottenuti sullo Sviluppo Sostenibile, e dettare le nuove sfide che si sono delineate nel tempo. Si è giunti a soluzioni in grado di spingere tutti gli Stati ad attuare modelli ambizioni, sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale, andando a modificare la vecchia concezione di “crescita economica” a favore della green economy. Venti anni fa c’era un sostanziale gap fra il Nord ed il Sud del Mondo. Adesso, invece, alcune delle Nazioni precedentemente interessate da un situazione più o meno forte di sottosviluppo, mostrano una crescita economica molto importante. Quindi, la ricerca di obiettivi e di regole comuni condivise è vitale per una crescita mondiale sostenibile.

L’Italia ha ricoperto un ruolo importante nel contesto internazionale, attraverso una funzione propositiva volta a rispondere alle richieste delle economie emergenti e attraverso lo scambio di know-how e di nuove tecnologie.

I contributi del Noise in questo progetto hanno riguardato lo svolgimento di attività dirette a supportare il MATTM relativamente al percorso preparatorio in ambito internazionale e nazionale a livello interministeriale, monitorando l’evolversi del testo negoziale, preparando e partecipando attivamente ai turni negoziali informali tenutisi a New York presso le Nazioni Unite.

Ha altresì coadiuvato il MATTM nella realizzazione delle attività finalizzate al coinvolgimento della società civile nel processo preparatorio della conferenza di Rio+20 attraverso la gestione del database che raccoglieva le best practices italiane nell’ambito della green economy, suddivise in base ai diversi settori della società civile. I dati raccolti e analizzati hanno fornito una base di confronto idonea ad esaminare in modo dettagliato la qualità e la penetrazione della green economy nel contesto nazionale.

In particolare:

Barbara ha collaborato con il gruppo ministeriale partecipando ai negoziati presso la sede delle Nazioni unite a New York ed aggiornando la sezione NEWS presente sulla Banca dati dedicata con notizie sull’andamento dei negoziati. Ha partecipato alla conferenza di Rio+20 insieme ad Emanuele e al gruppo del Ministero dell’ambiente ed ha gestito un profilo twitter informando i follower sull’andamento della conferenza.

Emanuele ha gestito i contatti con i vari settori istituzionali e con i vari rappresentanti del settore civile. Ha seguito, gestito ed analizzato insieme ad Angelo la Banca Dati delle esperienze italiane nella Green Economy. Ha partecipato alla Conferenza di Rio+20 ed ha intervistato alcuni esponenti della società civile chiarendo quali erano le sensazioni degli stessi durante lo svolgimento della conferenza.

Category
CASEHISTORY