Gruppo Noise | Valorizzazione del Sistema Turistico di Bagnoregio
15586
single,single-portfolio_page,postid-15586,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive

Valorizzazione del Sistema Turistico di Bagnoregio

About This Project

Civita di Bagnoregio è una frazione del paese di Bagnoregio, conosciuta anche come la “città che muore”. Attira un notevole numero di turisti perché la progressiva e continua erosione della collina e della vallata circostante, oltre a dare vita al fenomeno geologico dei calanchi, rischia di farla scomparire. Situata in posizione isolata, è raggiungibile solo attraverso un ponte pedonale ed è attualmente abitata da appena dodici persone.

I turisti, però, non trascorrevano in questo posto più di un paio d’ore, appena sufficienti alla veloce visita dell’abitato di Civita, spesso senza neanche transitare per il centro di Bagnoregio. Il Noise è stato coinvolto nella scrittura del progetto che il Comune di Bagnoregio ha presentato per l’assegnazione dei fondi europei dello sviluppo rurale (PSR), volti a incentivare le attività turistiche delle aree rurali.

Il progetto che abbiamo ideato ha lo scopo di offrire ai visitatori una proposta turistica che li invogli a spendere più tempo sul territorio, puntando a un turismo di tipo esperienziale, in cui il visitatore possa entrare in contatto con la realtà del luogo, visitando le emergenze naturalistiche, storiche e architettoniche e conoscendone la cultura e le tradizioni. Abbiamo quindi progettato un itinerario turistico organizzato che coinvolge tutto il territorio, sottolineando la necessità di una partecipazione di tutti gli attori, pubblici e privati, che operano al suo interno, in modo da costruire una rete che valorizzi le risorse di ciascuno a beneficio di tutti. L’idea di fondo sulla quale l’itinerario è stato costruito è stimolare la partecipazione attiva dei turisti guidandoli, lungo le tappe dell’itinerario, alla scoperta delle emergenze storiche e artistiche di Bagnoregio, alla passeggiata panoramica che permette di ammirare Civita da lontano, alla visita dei musei che spiegano le caratteristiche uniche dell’area dei calanchi, alla degustazione della specialità enogastronomiche dell’area, e favorendo così una loro più lunga permanenza. Centrale è stata l’idea di valorizzare un edificio comunale attualmente sottoutilizzato, lungo il corso centrale di Bagnoregio, per farne un centro di accoglienza turistica multifunzionale, dove i visitatori possano trovare informazioni, accessi web, servizi vari e anche un punto di degustazione dei prodotti tipici del territorio. Altro elemento interessante, la conversione di un vecchio edificio diroccato, situato presso il belvedere di Bagnoregio, utilizzato per affiggere immagini promozionali del territorio della Teverina.

L’intero progetto è stato sviluppato nel rispetto della vivibilità del paese, prevedendo percorsi da svolgere prevalentemente a piedi e, nel caso in cui questo non fosse possibile, con autobus elettrici.

Il progetto è attualmente in fase di implementazione. Una volta a regime, si attendono effetti positivi su economia e occupazione non solo del comune di Bagnoregio ma di tutto il territorio della Teverina.

Category
CASEHISTORY